mercoledì 4 ottobre 2017

LA VERA RIVOLUZIONE E’ REALIZZARE VALORI SOVRUMANI




LA VERA RIVOLUZIONE E’ REALIZZARE VALORI SOVRUMANI


PRIVO DI UNA FONTE CREDIBILE CHE INDICHI IL SOVRAMONDO
(E CHE NE VIVA LE ESSENZE) :
IL SENTIRE COLLETTIVO DORME NEL DENSO.

ED E’ IL PROROMPERE DI ESPERIENZE FISICHE SEMPRE PIU’ ESTREME.

UNA MASSA STERMINATA DI ESPERIENZE INTERIORI FISICIZZATE
FUORIESCE E SI SPRIGIONA DA OGNI DRAMMA UMANO CHE L’ACCRESCIUTA VITA INTERIORE DEI MOLTI E’ SPESSO COSTRETTA AD AFFRONTARE.

NELL’ORRORE DI CIO’ CHE APPARE TOTALMENTE PRIVO DI SENSO.

UNA PERENNE TEMPESTA IN CUI INDIVIDUALITA’ MODERNE SI TROVANO A DOVER SPERIMENTARE IL PIU’ INASPETTATO ORRORE NEGLI ULTIMI ATTIMI DELLA LORO VITA : E’ COME UNA ESPLOSIONE DI CAOS CHE BESTEMMIA CONTRO I CIELI DELL’ETERNITA’ .

QUANDO NEL PLAUSIBILE E NEL TROPPO UMANO ORMAI FREQUENTEMENTE E IMPUNEMENTE   –E INAVVERTITO-  ALITA IL SUBUMANO E L’INFERO DOMINA LE SENSIBILITA’ ESISTENZIALI  :  NULLA PREPARA ALLA DIVINA PIETA’ QUALE RADICE DELLA VITA UMANA.

E QUALE META FINALE NELLA SOLARITA’ DEL LOGOS FRA LE DIVINE GERARCHIE.

IL MONDO MANCA DI QUELLA SOVRUMANITA’ VIVENTE CHE NELLE TRAGEDIE MOSTRA  LE NUOVE RICHIESTE CELESTI VERSO CHI DOVREBBE E POTREBBE REALIZZARLA.

CERTAMENTE MANCA LA FEDE.

MA LA FEDE E’ MORTA.

ASSIEME AL SENTIRE SPONTANEO CHE LA SORREGGEVA.

MANCA LA TENSIONE IDEALE VERSO L’ASSOLUTO.

MA TALE SLANCIO E’ INCONCEPIBILE ALL’INTERNO DI UN PENSARE CHE VIVE SOLTANTO DI ELETTRONICA SAGACIA.

MANCA L’ACUME CHE SAPPIA IPOTIZZARE UN ORDINAMENTO MORALE DELLA REALTA’ E DELLA VITA UMANA.

MANCA L’ESPERIENZA VIVENTE DI UNA REALTA’ SUPERIORE ALL’UMANO TROPPO UMANO PIATTISSIMO CONVIVERE.

EPPURE ENORME E INTENSO E’ IL SENSO DELL’IO CHE OGNI INDIVIDUALITA’ MODERNA PERCEPISCE ALL’INTERNO DELLA PROPRIA VITA INTERIORE.

ALL’INTERNO DEI PROPRI PENSIERI L’IO FORNISCE LA POTENZA DEL GIUDICARE ESTREMO IN CUI OGNUNO PUO’ CONTRAPPORRE SE STESSO A TUTTO IL RESTO DELL’UMANITA’.

L’ESPERIENZA GRATUITA DEL SENSO DELL’IO E’ IL GIGANTEGGIARE DELLA PROPRIA INTERIORITA’ RISPETTO A TUTTO IL RESTO DEL MONDO E DELL’UMANITA’.

PERTANTO SEMBRA DI SOFFOCARE POICHE’ LA POTENZA DEL SENSO DI SE’E’ DI MOLTO SUPERIORE (E’ INFINITAMENTE SUPERIORE) AGLI STRUMENTI CEREBRALI E IDEOLOGICI ED ESISTENZIALI CHE SI RIESCE AD ESCOGITARE O AD ACCETTARE PER TENTARE DI MANIFESTARLA.

ED ALLORA CON TALE GIGANTESCO FARDELLO DI UN IO RADICALE ED ASSOLUTO CI SI INOLTRA LUNGO SENTIERI SUBUMANI ANCORA MAI PERCORSI DALLE GENERAZIONI PASSATE CHE AVEVANO COMUNQUE OTTENUTO INTENSE REALIZZAZIONI DI FOLLIA.

INGIGANTENDO IL PESO DELL’INIQUITA’.

STUOLI DI SUPERBI SI INOLTRANO NEL PROFONDO ABISSO DELLE SENSAZIONI FISICHE DELL’UMANO INDIRIZZANDO VERSO IL CAOS SUBUMANO QUELLA SETE DEI CIELI SOVRUMANI CHE L’IO RECA CON SE’.

E CHE VUOLE REALIZZARE NELLA LIBERTA’.

NELLA DIREZIONE DI UNA IMMATERIALITA’ IN CUI LA TRASCENDENZA PERMETTE IL RESPIRO OCCULTO CHE RINNOVA E RISANA L’UMANO INARIDITO DEGENERARE.


MENTRE ORA NEL TEMPO ESTREMO L’ANIMA E’ DI PIETRA E L’IO AVVAMPA DI POTENZA ENTRO I RISTRETTI LIMITI DELLA BLASFEMIA CEREBRALE IN CUI SOFFOCA.                                                     


LA POTENZA DELL’IO E’ POTENZA DI AUTORITA’ INTERIORE CHE OBBLIGA A GIUDICARE IL MONDO E GLI ALTRI POGGIANDO SOLTANTO SULLA SOLITUDINE DELLA PROPRIA IDIVIDUALITA’.

MA IN QUESTA MODERNA E RADICALE SOLITUDINE NON SI RIESCE A CONCEPIRE CHE TALE POTENZA E’ STRUTTURATA PER PERCEPIRE ORIZZONTI SOVRUMANI VERSO I QUALI INDIRIZZARSI E SPERIMENTANDO I QUALI : AMMINISTRARE UN POTERE DI REDENZIONE E DI VITTORIA SUL MALE CHE UN TEMPO ERA UNA PREROGATIVA ESTERNA E TRASCENDENTE E CHE GLI DEI HANNO AFFIDATO ALLA LIBERTA’ INDIVIDUALE NEL MISTERO SUPREMO DEL LOGOS ETERICO.

SOLO PENSANDO PENSIERI SOVRUMANI L’IO PUO’ RESPIRARE.

MA A TALE LIVELLO PENSARE NON E’ CONCEPIRE CONCETTI RELIGIOSI MA VIVERE NEL MISTERO DELL’INTELLIGENZA MENTRE MANIFESTA IL POTERE UNITIVO MEDIANTE CUI GENERA I SIGNIFICATI.

IL POTERE UNITIVO IN CUI VOLITIVAMENTE  -MEDIANTE ASCESI DEL PENSIERO-  SI IMMETTE LA COSCIENZA E’ (IN VARIO GRADO E MISURA) UNIONE CON IL LOGOS E MANIFESTAZIONE,IRRUZIONE,NEL MONDO DI UN QUALCHE ELEMENTO DI SOVRUMANITA’.

IL RITO DEI NUOVI TEMPI.

IL SOLO.

RITO CHE RUDOLF STEINER HA PORTATO AL MONDO E CHE MASSIMO SCALIGERO HA PERCORSO IN PIENO DECIFRANDONE LA VIA.

IL RITO DELL’ASCESI DEL PENSIERO.

NELL’AURA DEL SIGNORE DELLE FOLGORI.

LUNGO TALE SENTIERO OGNI EVENTO DI INTENSA VOLONTA’ SPESA NEL TENTATIVO DI MANTENERE EVIDENTE IL RICORDO,IL SEGNO RAREFATTO,LA FORMA DI UN SIGNIFICATO, UNA SINTESI DI CONCETTI  :  MANIFESTA NELL’INTERIORITA’ UN ATTIMO DI VITA SOVRUMANA IN CUI L’IO RESPIRA OLTRE IL BANALE.

E FORZE DI DESTINO SI IRRAGGIANO NEL MONDO,ARGINANDO O DISSOLVENDO IL MALE.

LA VERA RIVOLUZIONE.

L’UNICA.

ATTO DI IMPREVEDIBILE  E LIBERA E AUTONOMA CREAZIONE DI APPARENTEMENTE IMPOSSIBILI ED ALTRIMENTI IRREALIZZABILI FORZE MORALI NUOVE E OPERATIVE.

FORZE CREATE DALL’IMPOSSIBILE.

CREATE DALLA FONTE INESAURIBILE CHE SOSTIENE LA REALTA’.

ATTO CHE CHIUNQUE FRA I MODERNI PUO’ TENTARE.



HELIOS FK AZIONE SOLARE










sabato 30 settembre 2017

AUREO SIGNORE DELLE FOLGORI (29 SETT. 2017)







AUREO SIGNORE DELLE FOLGORI (29 SETT. 2017)


1/18031
FARMACO DI ARMONIA


LA SCONFINATA OTTUSITA’ SULL’ORLO DELLA BESTIA
IN CUI L’ELEMENTO TEMPESTOSO DEL SELVAGGIO
IMPRECA FRA FLUSSI DI SUPERBIA.

BRANCHI DI OSCURE FIGURE
CHE SENZA VERAMENTE VOLERLO CERCANO IL DIAVOLO CHE POSSA RIEMPIRLI.

INTRICO DI ENERGIE CHE DAI CORPI FISICI ESTRAGGONO BESTEMMIE OSSEE.
NELLA CECITA’ ANIMICA DEL BELLUINO OLTRAGGIO.

SONO I SENZA UMANITA’ POICHE’ MAI CONOBBERO L’APOLLINEA AURORA.

INTRICO DI FLUIDE POTENZE VITALISTICHE
CHE EMERGONO DALLE PROFONDITA’ DEL SANGUE
PER TENDERE IRREVOCABILMENTE VERSO L’OSSEITA’.

CORPOREITA’ ENERGIZZATE IN CUI IL VOLTO INTERIORE E’ SPENTO.

RIFUGGONO IL PENSARE POICHE’ LA DEVOZIONE E’ SOMMERSA DAL TUMULTUARE DI APPETITI CHE IMPONGONO SUPERBIA.

TANTO LONTANI DALLA LUCE IN QUANTO OLTREMODO OCCULTAMENTE DENSI NEL CORPOREO.

DEVASTANTE IMPRONTA DI MATERIALITA’ ESISTENZIALE
CHE GIUNGE VENEFICA  NEL CUORE IMMATERIALE DELLA LUCE D’OCCIDENTE.

MA –OLTRE L’IMPOSSIBILE- TUTTO PUO’ ESSERE GRADUALMENTE RISANATO.

NEI PROLUNGATI APICI IN CUI LA LUCE DEL PENSARE ATTINGE NEL POTERE UNITIVO DELLA FOLGORE : L’AUREO VOLTO DELLA NORMA MANIFESTA L’UNICA ESSENZA DELLA VERITA’.

AVVIENE L’IRRAGGIARSI DELLA SCULTOREA IMPRONTA.

DALL’IMPOSSIBILE SI RICREA IL VALORE IN CUI LA DEVOZIONE DISSOLVE IL VITALISMO SUBUMANO.

UN ARGINE APPARE NEL COSMO DELLE FORZE FORMANTI.

UN POTERE IRROMPE OVE IL DESTINO
-         PRIMA DI COMPIERSI –
PREPARA LE SUE VESTI.

E TALE POTERE
-ATTINTO OVE IL PENSARE RESPIRA NELLA LUCE UNITIVA DEL RICORDO-
MANIFESTA L’ESSENZA LOGICA DELL’UNICA VERITA’.

RIVESTITA DI FERRO CELESTE
LA POTENZA SCULTOREA DEL VERO
IMMETTE IL FARMACO DI ARMONIA
CHE DISSOLVE IL BESTIALE.

NELL’AUREO SIGNORE DELLE FOLGORI
DA CUI IRRAGGIA IL VOLTO DEL SOLARE.

OVE IL PROTENDERE ALLA LUCE NON E’ UN TENUE SENTIRE PROSSIMO AL TRADIRE
MA E’ STRENUO ATTO DEL VOLERE CHE GIUNGE OVE LE FOLGORI PERCORRONO IL DESTINO E LO MUTANO NEL SEGNO DELL’ARCANGELO.

OVE L’IDEA GIUNGE A CONTEMPLARE CIO’ CHE LA TIENE UNITA FRA LE POTENZE LOGICHE DELL’UNICA VERITA’.
_____________________________




2/18032
VIRTU’ ALATA

PRIMA ANCORA DI PENSARE SI IMMERGONO NELL’AMARA CALUNNIA.

I LAMENTI LUNARI DEGLI ISTERICI NEL CRUDELE SINGHIOZZO NEGANTE.

UNA NUBE CHE DESIDERA IL MALE LI AVVOLGE E LI MUOVE.

CAPRICCI FEROCI ENTRO PICCOLE ANIME PROTESE AL FERIRE.

I SENZA DIMORA CELESTE IL CUI FURORE PIANGENTE
INSEGUE LA SCIMMIA E NE IMITA L’IMPROVVISO NEGARE.

PICCOLE ANIME DELL’ETERNA PLEBAGLIA
CHE GREMISCE LE SPONDE DEGLI INFERI E NE VIVE ILTERRORE.

IL LORO AGIRE NEGA LA LUCE
E ODIA IL PENSARE CHE  -RISORGENDO-  DISTACCA DAL MAGNETE CORPOREO.

L’IMPRONTA CHE CONSEGNANO AL MONDO E’VOLONTA’ SENZA SENSO CHE TENDE AL MALIGNO E LO ADORA.

MA E’ UNA DEBOLE IPNOSI DAL TENACE FURORE CHE HA PAURA DEL BENE.

IL FATO ATTENDE DAL LIBERO ARBITRIO DELL’UOMO IL LAMPO CHE POSSA ARGINARE E DISSOLVERE L’OSCURITA’ PRECEREBRALE DI QUELLA POTENZA MEDIANICA.

E INFATTI OGNI ATTO D’ASCESI CHE GIUNGE OVE L’UNIRE I CONCETTI E’ RESPIRO CHE CONTEMPLA UN VALORE :  EQUIVALE AD UN LAMPO.

EQUIVALE AD UNA LUCE INSISTITA CHE URTA E CONSUMA QUEL MALE.

UN ATTO VOLITIVO CHE MEDIANTE IL PENSARE RIESCA A MANTENERE EVIDENTE L’ESSENZA MOBILISSIMA DEL POTERE UNITIVO DI UN RICORDO : RESPIRA NELLA FONTE LOGICA DEL BENE.

ED E’ UN LAMPO CUI PUO’ ESSERE CONCESSA L’AURA FERREA DELLA REDENZIONE.

IN VARIO GRADO PUO’ ESSERE CONCESSA  :  MA SEMPRE IMMERSA NELLA VIRTU’ ALATA DELLA CONSACRAZIONE.

OVE IL SIGNORE DELLE FOLGORI ACCOGLIE L’ESSENZA SPONTANEA DI PREGHIERA CHE GIUNGE OVE IL FERRO METEORICO SOSTIENE L’ANELITO DEL CUORE.

OVE IL CREARE E L’ATTO DEL REDIMERE COINCIDONO.

NELLA LONTANISSIMA E ALLEATA AURA DELL’ARCANGELO.
_____________________________



3/18033
SOTTILISSIMA LUCE

LE CEREBRALITA’ OBERATE DALL’INCONSAPEVOLE DISGUSTO ESISTENZIALE.

INTENSO SPENDERE LA VOLONTA’ UMANA OVE L’UMANO NON PUO’ CHE ACCUMULARLA NEL DISGUSTO.

OVE LA FORZA SPESA NEL BANALE PORTA ALLA FOLLIA.

UMANITA’ CHE INFRANGE LE FRONTIERE DELL’UMANO
PRECIPITANDO AL CENTRO DELL’INFERNO.
PRECIPITANDO OVE LA POTENZA NON HA PIU’ PENSIERO E QUINDI NON RAGIONA.
PRECIPITANDO NELLA MULTIFORME BOLGIA IN CUI L’UNICA DIREZIONE E’ CONTRADDIRE IL LOGOS.

SENZA ORIZZONTI NE’ CONFORTO.

L’INTENSO IMPEGNO OVE L’ANIMALITA’ CREDE SOLO NELLA MORTE :
GENERA OCCULTE FIGURE DI MENZOGNA CUI ULTIMO SBOCCO E’ LA FOLLIA.

SONO I VOLITIVI DELL’OTTUSO AGIRE SENZA DIO.

FORZE DEFORMATE ATTINTE NEL CAOTICO VENGONO IMPRESSE DALL’IMPEGNO NEL TROPPO UMANO INARIDIRE RAZIONALE.

GROVIGLI DI ENERGIE INFERNALI TUMULTUANO OVE LA RAGIONE GALLEGGIA FRA GLI ABISSI DEL DISGUSTO.

-OCCORRE UN ASSOLUTO CHE OTTENGA DA QUELLE VOLONTA’ ATTI COSCIENTI DI RICONSACRAZIONE-

ATTI DI SOVRUMANITA’ IN CUI REDIMERE E INNALZARE QUANTO E’ PRECIPITATO AL DISOTTO DELL’UMANO.

OCCORRE CHE SI RINNOVI IL RITO DELL’AURORA NELL’AMPIO DELLA RESURREZIONE RESPIRO ELETTO.

AZIONE DEL PENSARE CHE GIUNGA CONTEMPLARE IL POTERE CHE UNISCE I CONCETTI NEL LAMPO DEL RICORDO.

ASCESI DEL PENSIERO IN CUI LA VOLONTA’ E’ SPESA PER UNIRE APICI DI PURA LUCIDITA’ COSCIENTE OVE L’INTELLIGENZA RESPIRA OLTRE L’UMANO.

OVE NEL CUORE DEL METALLO
SPLENDE   -CELESTE  -  LA STELLA  DELLA DIVINITA’ CHE OPERA DALL’IMPOSSIBILE CONNETTERE NEL CENTRO AUREO DELL’INTELLIGENZA.

NELL’APPARENTE SOLITUDINE IN CUI MOLTITUDINI ERRANTI RICEVONO DAI POCHI : AIUTO ED ATTIMI DI SOTTILISSIMA LUCE.

OVE NELL’APOLLINEO VOLTO SPLENDE L’IMPRONTA DELL’ARCANGELO.
________________________________



4/18034
SOVRAMENTALE LUCE

PROFONDA NELLA BLASFEMIA LA RABBIA AGITA LE PAROLE.
FORMULA OPINIONI CHE NON SONO PENSIERO MA OMBRE DI VOLONTA’.

SEMPLICI APPETITI DELLE TENEBRE DIVENTANO CONTORTA IDEOLOGIA
NELLA MEDIANITA’ DEGLI SPROFONDATI.

MA FRA LE ANIME CHIUSE
PUO’ ACCENDERSI  -DIROMPENTE-  LO SPLENDORE.

COME LA TENEBRA
OPERATIVO NELL’INCONSAPEVOLE
MA  -OLTRE LA TENEBRA-  VOLUTO NELLA LIBERTA’ :
SI PUO’ IMPRIMERE L’ATTO DEL REDIMERE.

LUCE UNITIVA CHE AGISCE IRRAGGIANDO QUALITA’ SOVRAMENTALI
NEGLI APICI IN CUI L’IDEA OTTIENE ATTIMI OVE RESPIRA OLTRE I FRANTUMI DEL PICCOLO RAZIOCINIO.

COME I VOLERI DELL’INCUBO ALITANO FRA LE MASSE ASSETATE DI BLASFEMIA :
COSI’ ALTRETTANTO OPERATIVI
-  DALL’IMPOSSIBILE  -
POSSONO SCOCCARE LAMPI DI RESURREZIONE
CHE MEDIANTE ATTIMI DI LIBERO ARBITRIO
-  ASCETICAMENTE --
TOCCANO ANIME OBERATE
PERMETTENDO IL REINNALZAMENTO.

NEL LIBERO GIOCO DELLE FOLGORI
IN CUI ALL’AUREO SIGNORE DEL PENSARE
E’ FORNITA LA POSSIBILITA’ DI AGIRE SCULTOREAMENTE SUI DESTINI UMANI.

ASCESI DEL PENSIERO PRATICATA DA COLORO CUI INASPETTATAMENTE E’ CONCESSO DI CREARE SPAZI OCCULTI PER IL MANIFESTARSI OPERATIVO DELLA SOVRAMENTALE LUCE.

NEL MONDO DELLE CAUSE IN CUI NELL’INCESSANTE LOTTA DELLE VOLIZIONI
E’ STRENUAMENTE ATTESA LA LIBERTA’ DELL’UOMO SPESA NEL LOGOS.

FRA LONTANISSIME E ALLEATE LUCI DELLA NETTISSIMA ARCANGELICA PRESENZA NEL LAMPO DELLA CONTINUAMENTE RINNOVATA ASCESI.
_____________________________



5/18035
GLI ATTI DEL FUTURO


LA CARNE ENERGIZZATA CHE RATTIENE NEL NEGARE.
OVE LA TENEBRA SPROFONDA NEL PESO DEI CERVELLI FISICI E LI MUOVE.

NODI DISCETTANTI IN CUI LA FALSA VITA FINGE IL RAZIOCINIO.

SONO I LUOGHI DELLA MORTE IN CUI GLI AUTOMI DEL PLAUSIBILE FINGONO DI VIVERE RECITANDO UN CAOTICO PENSARE.

NELL’OMBRA IN CUI IL NEGARE ESERCITA IL CONTRARRE
SI MUOVE SENZA SENNO L’AMARISSIMO CHE IMPRECA.

MA SI MOSTRA IN QUANTO OSTILE A CIO’ CHE HA IL POTERE DI ANNIENTARLO.

SI MOSTRA AL POTERE SOLVENTE CHE IN IDEA REINNALZA I LIVELLI DI LUCE MORALE IN QUANTO NE SFIORA LA FONTE CREANTE.

INVISIBILE E AGENTE NEL VIVERE USUALE :
IL MALE OSTACOLA QUANTO NEL RITO D’IDEA SI CREA E RISPLENDE E SI ELEVA.

NELL’ESTREMO SILENZIO LA FORMA DEL CONCETTO E’ UN ATTO CHE RIVIVE POICHE' VIENE CONTEMPLATO.

IN TALE SILENZIO IL MALE VIENE URTATO PRIMA CHE DIVENTI ATTO DEL DESTINO.

IN TALE SILENZIO LA FOLGORE MODELLA GLI ATTI DEL FUTURO.

ELEVANDOLI ALLO SGUARDO DELL’ARCANGELO.

OVE PUO' ACCADERE CHE LE VIE DEL FATO VENGANO PERCORSE E RIMODELLATE DAL LOGOS D’OCCIDENTE.

NELL’AURA DELLA RESURREZIONE CHE SU TUTTO L’UMANO PUO’ RIVERBERARE.

SOVRUMANIZZANDO.
_________________________________



HELIOS FK AZIONE SOLARE












martedì 6 giugno 2017

LOGOS D’OCCIDENTE E NUOVO SOLE






LOGOS D’OCCIDENTE E NUOVO SOLE.



CUPA LA VOLONTA’ NEL VIVERE USUALE SOLLECITA OPINIONI E LE GOVERNA.

SPESSO –PER INFEZIONE PSICHICA- LE CREA.

TUTTO AL DISOTTO DELLA COMUNE COSCIENZA DI VEGLIA CHE IN FONDO NE COSTITUISCE SOLO LA PREDA ED IL BERSAGLIO.

LA ZONA IN CUI LA VOLONTA’ SI ACCENDE E ANELA : E’ LA ZONA IN CUI INFURIA LA BATTAGLIA ED IN CUI I MODELLI DI COMPORTAMENTO E DI CREAZIONE IMMAGINATIVA SONO CONTESI FRA IL BENE E IL MALE.

CIO’ CHE –PER CONTAGIO ANIMICO- E’ RECEPITO NEL PROFONDO : SI ACCUMULA E NEL TEMPO RIAFFIORA COME PROPRIA SCELTA E METTE IN MOTO LA VOLONTA’ INDIVIDUALE CHE SI ADEGUA E IRRAGGIA IL SUO PROTENDERE.

IL CONTAGIO ANIMICO IMPLICA DEI CENTRI DI CREAZIONE E DI IRRAGGIAMENTO TANTO POTENTI DA POTER COINVOLGERE ED IMPRESSIONARE LE SCELTE  INDIVIDUALI DEI MOLTI  ( I POPOLI E LE GENTI ).

OGNI SCONFINAMENTO NEL SUBUMANO E’ UN RITO CHE INFLUENZA E IMPRONTA LA ZONA DELLA  CREATIVITA’ VOLITIVA DA CUI IN SEGUITO EMERGONO LE DECISIONI INDIVIDUALI.

OGNI INNALZAMENTO NEL SOVRUMANO E’ UN RITO CHE PARIMENTI ILLUMINA E PURIFICA LA ZONA DELLE LIBERE SCELTE INDIVIDUALI.

ODIO E DOLORE POSSONO SCONFINARE NEL SUBUMANO IN OGNI ISTANTE DELLA VITA ED EFFETTIVAMENTE QUESTO ACCADE.

IL VIVERE ATTUALE DISPENSA ININTERROTTAMENTE SITUAZIONI IN CUI LA TRAGEDIA E’ LA META FINALE VOLUTA E PREPARATA DAGLI ATTUALI REGGITORI DEL MONDO.

E CIO’ E’ ILLOGICO ED IRRAZIONALE MA INNEGABILE E REALE.

MENTRE ARDUO ED IMPOSSIBILE RISULTA CONCEPIRE UN RIMEDIO CHE SIA TANTO RADICALE E NETTO –TANTO OLTRE L’UMANO- DA POTER COLPIRE UN MALE DILAGANTE CHE AFFONDA NEGLI INFERI E VUOLE IL DOLORE.

EPPURE COSI’ COME L’OSCURITA’ PRESUPPONE LA LUCE DI CUI NEGA L’ESSENZA :
COSI’ COME LA LUCE DEVE ESISTERE ALTRIMENTI L’OSCURITA’ NON AVREBBE NULLA DA NEGARE E QUINDI NON POTREBBE MANIFESTARSI :
COSI LA MALVAGITA’ SUBUMANA PRESUPPONE UN SOVRUMANO CHE LE PREESISTE E CHE ALBEGGIA NELL’INTERIORITA’ DEI MOLTI TARTASSATI E OPPRESSI.

LACERANO L’UMANO PER IMPRIMERE NEL MONDO L’ESSENZA DEL NEGARE.

MENTRE IL SOVRUMANO E’ PURA AFFERMAZIONE CHE ARDE NELLA LUCE LOGICA DEL PENSARE.

LUCE UNITIVA CHE COLLEGA I CONCETTI E LI RICORDA.

SPENTA LA CELESTE EVIDENZA DI UN COSMO MORALE INDUBITABILE CUI LE ANIME DEI MOLTI ACCEDEVANO  :  TUTTA LA POTENZA DELLA REALTA’ SOVRUMANA SI E’ ACCESA NEL CUORE DEL PENSARE.

UNA ACUTISSIMA  INTELLIGENZA INDIVIDUALE PERCORRE LE VIE DEL MONDO E DISCETTA SENZA PROFONDITA’ SU OGNI ARGOMENTO CONCEPIBILE.

OTTIENE TANGIBILI CONQUISTE TECNICHE ED IMMENSE CATASTROFI GIURIDICHE E POLITICHE.

TALE INTELLIGENZA E’ VITA INTERIORE NEL CENTRO DEL PENSARE CHE –IN QUANTO PRIVA DI ANIMA CELESTE- ATTINGE NEL SUBUMANO I MEDIANICI INDIRIZZI DELLE PROPRIE TONALITA’ MORALI.

OCCORRE TANTA LUCE DA PERVADERE GLI INFERNI AFFINCHE’ VENGANO SVUOTATI.

IN TALE DIREZIONE L’UNICA VIA E’ L’ASCESI.

ASCESI DEL PENSIERO SECONDO IL CANONE INDICATO DA MASSIMO SCALIGERO.

ASCESI DEL PENSIERO CUI RUDOLF STEINER HA APERTO IL VARCO.

ASCESI DEL PENSIERO QUALE UNICA VIA AL SOVRUMANO CHE SOLO PUO’ CONTRASTARE E REDIMERE I MALI DEL MONDO.

NEL CUPO TURBINARE DEL TRAMESTIO CEREBRALE IN CUI OGNI MODERNO INTELLETTO E’ IMMERSO : SOLO LA MALVAGITA’ HA LA POTENZA DI SMUOVERE E VIVACIZZARE QUELL’ORRORE ELUCUBRANTE.

LA NOIA CEREBRALE DELLA TROPPA INTELLIGENZA HA SOLO GLI ISTINTI POTENZIATI COME MOTORE MAGICAMENTE AGENTE.

ANCHE LE INDIVIDUALITA’ PIU’ DEGNE NON POSSONO CONTRASTARE CON LA VOLONTA’ UMANA LA MAGIA DEL SUBUMANO CHE LIEVITA DAL MAGMA DELLE FORTI EMOZIONI PRECIPITATE NEL VIVENTE INFETTARE.

MANCANO LE DIFESE SOVRUMANE CHE LE ANTICHE RELIGIONI PIU’ NON POSSONO FORNIRE IN QUANTO ORMAI CEREBRALI E SPENTE.

RESTA SOLO LA VIA DEL PENSIERO INDIVIDUALE CHE GIUNGA A SFIORARE IL SOVRUMANO IN QUANTO CONTEMPLI IL MISTERO DEL PROPRIO CONCEPIRE.

IN QUANTO CONTEMPLI UN INSIEME DI CONCETTI E LI PONGA AL CENTRO DEL PROPRIO VIVERE COSCIENTE NEL MASSIMO POTERE DI ATTENZIONE IN CUI LA VOLONTA’ CHE SI VIENE AD IMPEGNARE : IN QUEGLI ATTIMI E’ PURA E MAGICAMENTE OPERATIVA.

FONTE INCONCEPIBILE MA REALE DI OGNI RINNOVATA LUCE MORALE.

ORO DELL’ISIDE CELESTE RIPOSTO NEL CUORE DEL PENSARE.

LOGOS D’OCCIDENTE E NUOVO SOLE.




HELIOS FK AZIONE SOLARE













sabato 11 febbraio 2017

L’ETERNITA’ FOLGORA IL PASSATO.






L’ETERNITA’ FOLGORA IL PASSATO.




INTENSO E PROVVISORIO IL GRAN LAMENTO DEL TEMPO E’ L’IMPOSSIBILE.

FUOCO DELL’ATTIMO PIU’ ALTO IN CUI L’ETERNITA’ TOCCA IL PASSATO E LO REDIME.

INCENERENDO ILTEMPO.

PROVVISORIO –POICHE’ PERENNEMENTE DA RICONFERMARE- L’ATTIMO LAMPEGGIA E IMMETTE FORZE CHE DAL CENTRO DEL CREARE IRRAGGERANNO LUCE.

ATTIMO DEL PENSARE CHE CONTEMPLANDO L’ESSENZA DEI CONCETTI RICORDATI :
OTTIENE LA VISIONE DEL PASSATO MENTRE LO REDIME.
MENTRE LO TRASMUTA.
MENTRE LA VIVENTE AURA SORUMANA CONCEDE IL FARMACO E IL LAVACRO.


RIVIVE L’ESSENZA DI CIO’ CHE AVVENNE NEL PASSATO
MA ORA CHI LA RICORDA E’ IL LAMPO DELL’ATTIMO D’ETERNO
CHE LA CONTEMPLA DALL’ALTO DEL REDIMERE.

LO SGUARDO DELLA SINTESI IMPEGNATA NEL COSCIENTE UNIRE :
RICREA L’ANIMA PROFONDA DEGLI EVENTI POICHE’
-         IN VARIO GRADO –
LI RICONNETTE AL LOGOS INTERNO AL RITO D’OCCIDENTE.

L’UNICO E IL SOLO VERAMENTE OPERATIVO POICHE’ VERAMENTE SACRO.

FUTURI EVENTI MORALI SI IRRAGGIANO
GERMINALI E INARRESTABILI
SUI DESTINI DEL MONDO.

EVENTI IMPREVISTI ED IMPOSSIBILI
CHE MUTANO LE ALTRIMENTI INAMOVIBILI LEGGI DELLE CAUSE E DEGLI EFFETTI.

EVENTI IN CUI L’ELEMENTO DI INTRUSIONE RIEDIFICATRICE E’ LA FOLGORE DEL LOGOS.
UNICA FONTE DEL SACRO FRA GLI IMMENSI DESERTI DELL’ANIMA MODERNA  INARIDITA E PERSA.

ARDE FRA LE VETTE IMMATERIALI E DOMINA L’IMPOSSIBILE LAVACRO.

LUCE E CALORE TRATTI
  -MEDIANTE OCCULTA IMMATERIALITA’ TRASMUTATRICE-
DAL PIU’ ADDENSATO CAOS DI MOSTRUOSE ROCCE VOLITIVE.

LIEVE RIAPPARE L’ANGELO OLTRE LE SQUARCIATE NEBBIE DEGLI INFERI
NEL FOLGORAR DELL’ATTIMO DILAVATI E SCOSSI.

L’IRRUZIONE DI FORZE TRASCENDENTI NELL’UMANO
ATTINTE FRA I CIELI DEGLI DEI LEGITTIMI DEL BENE
SOLO ATTRAVERSO L’ASCESI PUO’ ATTUARSI
E SOLO POICHE’ IL PIU’ IMPENSABILE ED IL MENO PLAUSIBILE LOGOS DEL PENSIERO ARDE ED AGISCE OVE L’IO UMANO RIESCE PER ATTIMI A RESPIRARE LUCE.

APICI IN CUI LA VOLONTA’ IMMESSA NEI PENSIERI CONTEMPLANDO IL PALPITO DI UN INSIEME DI CONCETTI  : 
OTTIENE PER ATTIMI QUELLA PURITA’ IN CUI L’ANIMA RISORGE ALLA VEGGENZA.
ED IN QUEGLI ATTIMI : RESPIRA DEGNITA’ E AMORE.

PERTANTO IN QUEGLI ATTIMI
IN VARIO GRADO
LA POTESTA’ DEI CIELI MUTA L’UMANO E LO REDIME.

RITO DEL SOLE D’OCCIDENTE CHE SOLO PUO’ LAVARE I MONDI.

ASCESI DEL PENSIERO E SUA TENACIA NELL’ACUME PERENNEMENTE MANTENUTO.


HELIOS FK AZIONE SOLARE









mercoledì 23 novembre 2016

OVE SI CREA IL RICORDO





OVE SI CREA IL RICORDO



IMPRIMERE NEL MONDO LE TRACCE DELLA LUCE.
RESPIRO SOVRUMANO IN CUI FLUISCONO GLI EVENTI.

IMPRIMERE LE FOLGORI DEGLI ATTI IN CUI TORNANO AD ACCENDERSI SOVRUMANI DISEGNI NEI PENSIERI.

LA VOLONTA’ FLUISCE NEL CONTEMPLARE L’INTELLIGENZA CHE RICORDA.
E TALE VOLONTA’ SI IMPEGNA OVE E’ GIA’ OLTRE L’UMANO.

SI  IMPEGNA PER CONCEPIRE L’IMPOSSIBILE :
PORRE LO SGUARDO OVE SI RICREA IL RICORDO.
OVE PERENNEMENTE SI RICREA DOPO AVER PRESO FORMA.

IN TALE PROLUNGATO AGIRE : SOLO LA CONTINUITA’ NELLA COSCIENZA PERMETTE IL PROSEGUIRE.
E CIO’ E’ IMMETTERE NELL’ANIMA GERMOGLI SOVRUMANI.

POICHE’ QUELLA CONTINUITA’ E’ FEDE.
FEDELTA’ NEL CUORE DELL’INTELLIGENZA.

OVE LA SOVRUMANITA’ DELL’IO PUO’ INFINE LAMPEGGIARE.
PUO’ OTTENERE ATTIMI DI MANIFESTAZIONE NEL REALE.
PUO’ FAR BALENARE NELL’ANIMA QUEL CELESTE NUTRIMENTO DI CUI NON AVEVA PIU ESPERIENZA.

E’ IL RITO.
L’ATTO.
LA SUA LUCE.

RESTANO INSENSIBILI LE SOGLIE DELL’UMANO.
TROPPO INADATTE A CONCEPIRE COME ESSENZIALE IL SOVRUMANO.
TROPPO OTTUSE PER ACCORGERSI DI CIO’ CHE SOTTILISSIMO
NEGLI AMPI SPAZI DELLA VERA INTELLIGENZA
ACCADE E MODIFICA IL REALE.

EPPURE INFINE IL TROPPO UMANO
NELLO SCORRERE DEL TEMPO
POTRA’ DEDURRE INDUBITABILMENTE QUANTO DI SOVRUMANO HA INNALZATO LE SENSIBILITA’ INTERIORI.
QUANTO LE HA MUTATE.
QUANTO LE HA RESE SACRE.
SENSIBILI ALL’INNALZARSI SCULTOREO DEI LIVELLI DI PENSIERO.

QUANTO DI DEGNO DALL’IMPOSSIBILE  E’ RISORTO.
SI E’ CREATO.
QUANTO –OLTRE L’INCREDULITA’ BLASFEMA DELL’ENTE CHE ABITA I CERVELLI FISICI- SI E’ ACCESO FRA LE MUTEVOLI FORZE FORMANTI DELLA GLORIA ETERICA.

LOGOS DELL’AUREO ACCENDERSI DELL’ETERNITA’
NELL’ANIME DORMIENTI ED OBERATE.

LA SOGLIA DELL’INNALZAMENTO E’ POSTA OVE IL PENSIERO DECIDE DI CONTEMPLARE L’INSIEME DEI CONCETTI CONCEPITI.

MENTRE L’INTELLETTO CEREBRALE VAGA NEL TURBINARE DI INFINITE ANTIPATIE:
IL VOLITIVO INSEGUIRE UNA PICCOLA SERIE DI CONCETTI RIUNITI IN UN RICORDO:
SCOLPISCE NELL’ANIMA E NEL MONDO IL FUOCO SOLARE INTERNO AL CUORE DELL’INTELLIGENZA.

RITO CONTINUO E RINNOVATO IN CUI E’ RIPOSTA L’ESSENZA DEL REDIMERE.




HELIOS FK AZIONE SOLARE









venerdì 30 settembre 2016

AUREO SIGNORE DELLE FOLGORI (29 SETT.2016)






AUREO SIGNORE DELLE FOLGORI (29 SETT.2016)


1/18026
LA POTESTA’ ERIGENTE


ASTUZIA E VITALISMO CORPOREO STRETTAMENTE CONGIUNTI.

I FORSENNATI NELL’INGANNARE.

VISCIDA E CONTRATTISSIMA POTENZA CHE FA APPARIRE ENORMI
I PICCOLI VALORI DELL’UMANA AVIDITA’ APPAGATA.

POSSESSIONE ENERGETICA NEL CARNEO SVILUPPO
DELL’UMANA PERSONALITA’CHE TUTTO RINNEGA
IN QUANTO HA APPETITI NELL’AVIDO.
IN QUANTO BRAMA SOLLEVARSI SUGLI ALTRI POICHE’ SA INGANNARE.

AUTOMI DI CARNE DALL’IMMENSA INGORDIGIA.

LA VITA INTERIORE E’ OSCURO BRAMARE ARMATO DI ASTUZIA
NELL’INTENSO EMANARE SPREZZANTE DISGUSTO VERSO IL CALORE DEI CIELI

BUROCRATI INDENNI FRA GORGHI GIURIDICI E TEMPESTE ECONOMICHE :
SORRIDONO INDEGNI NELL’APPARENTE TURGORE NERVOSO CHE E’ SOLO FOLLIA.

TOTALMENTE INSENSIBILI AD OGNI EVIDENZA MORALE :
RESTANO ALLIBITI DINANZI AL MANIFESTARSI VIVENTE DI UN VALORE
CHE LI SVELA MENTRE SFIORA GLI ENTI SUBUMANI DELL’INGANNO
CHE VENGONO SQUASSATI.

POICHE’ TANTO QUANTO GLI ENTI INFESTANTI DEL LIVORE :
POSSONO MANIFESTARSI GLI ENTI SCULTOREI DELLA SINCERITA’ AGENTE.
POSSONO TRASMETTERSI FORZE FORMANTI DEGNE.
PUO’ IMPRIMERSI UN POTERE CHE E’ IN SINTONIA COI CIELI.

NEL MONDO DELLE FORZE AGENTI CHE SI CONTENDONO IL REALE :
PUO’ GIUNGERE DALL’ALTO L’IMPRONTA DELLE FOLGORI.
L’ORO OCCULTO DEL REDIMERE INNALZANDO.

OCCORRE CHE SI ACCENDA NEL VIVENTE
UN’EVIDENZA SORRETTA DALLA VOLONTA’
CHE SOLO NELL’ELEMENTO LIBERO E COSCIENTE
PUO’ OPERARE QUALE AUREO VALORE.

ASCESI DEL PENSIERO CHE GIUNGE A FARSI POTENZA FORMANTE DEI MUTAMENTI DEL DESTINO.

LUCE CHE SOSTENENDO E TRASMUTANDO GLI URTI CONTRARI AL SUO MANIFESTARSI :
IMMETTE LA VIRTU’ DELL’AUREO
IN CUI SI DELINEA IL VOLTO DELL’ARCANGELO.

ESSENZA DELL’ASCESI
IN CUI LA POTENZA SCULTOREA DELLA FEDELTA’
OTTIENE FRA I LAMPI DELL’ACUME STRENUAMENTE PERSEGUITO :
LA POTESTA’ DI ERIGERE L’INCONCEPIBILE PUREZZA.
__________________________________



2/18027
LIMPIDO TINTINNIO

FRA LE NEBBIE DELL’ORRORE GIOCANO A FARE I MOSTRI DELL’AVVERSO.

AVVOLTI DA UNA NUBE MEDIANICA CHE SI ESALTA NELL’INFLIGGERE DOLORE
PERCORRONO –QUALI ESECUTORI GIUDICANTI- I SENTIERI DELLA CATASTROFE BRAMATA.

NUBI DI SEVERO GIUDIZIO AVVOLGONO LA PERFIDIA DEI POTENTI NELLA NOTTE.

SONO I SENZA DEVOZIONE.

I PORTATI A STRAZIARE L’ARMONIA DELLE ANIME DORMIENTI
INCUTONO TERRORE ANIMICO PRIMA ANCORA DI AVER ESERCITATO DANNO.

UOMINI AL SERVIZIO DELLA NOTTE IN CUI OGNI SPERANZA E’ SPENTA.
ED IN CUI LA VOLONTA’ IMPIEGATA DAI MALIGNI LASCIA TRACCE OCCULTE
CHE ULTERIORMENTE PORTANO ALL’INABISSAMENTO.

SOLO UNA LUCE ACCESA OVE LE ANIME RESPIRANO SOLLIEVO :
PUO’ INCUTERE TERRORE AI PERSECUTORI ESAGITATI.

SOLO UN ARGINE SCULTOREO
ERETTO OVE IL PENSARE VIVE LA PROPRIA ESSENZA :
SOLO UNA INTERIORE E SOTTILISIMA FONTE
DI RINNOVATA FORZA ERIGENTE :
PUO’ ATTUARE L’IMPOSSIBILE RISTORO.
L’ESTREMO RISANARE.
PUO’ RESTITUIRE VITA SOVRUMANA OVE QUELL’INCUBO E’ SQUARCIATO.

COSICCHE’ UN ARGINE SI SCAGLIA CONTRO QUEL MORIRE : TRAENDONE SOLLIEVO.

OTTENENDO PREMESSE CHE IMPEDIRANNO IL MALE.

PREMESSE LA CUI IMPRONTA E’ IL SOVRUMANO.

ED IN CUI IL VOLTO DELL’ARCANGELO TORNA PLAUSIBILE AI PENSIERI.

TORNA CREDIBILE L’ESSENZA SUA CELESTE.

NUOVI CIELI INNALZATI NEL FERRO METEORICO IN CUI E’ RIPOSTA L’ESSENZA DEL SOLARE.

OVE IL LIMPIDO E OCCULTO TINTINNIO DI TALE FERRO
GIUNGE A RENDERE PRECISO E OPERATIVO IL FUOCO DEL CUORE.

OVE NELL’ATTIMO TRIONFA LA CERTEZZA LOGICA
CHE SQUARCIA E POI TRASMUTA LA FOLLIA E L’ORRORE.

NEL DEFINITIVO IMPRIMERSI DEL VERO IN CUI ARDE IL SOLARE.

NELL’INSISTITO ATTO DEL PENSARE
CHE MANTENENDO UNITA L’EVIDENZA DEL RICORDO
PUO’ MANIFESTARE L’ESSENZA CHE REDIME.
___________________________________________



3/18028
CELESTE RAGGIO

L’ENERGIA BIOLOGICA SPESA NELL’INTENSITA’ DEL VIVERE CORPOREO
ASSURGE COME SOTTOFONDO DI CAOS NEL MENTALE.

NEGA L’IMMATERIALITA’ E LA RESPINGE.

CREA UN NODO DI EVIDENZE PRIVE DI PENSIERO
CHE PERO’ INFLUENZANO CONVINZIONI E SENSIBILITA’.
TRASCINANDO VERSO L’ANIMALE DALLE SEMBIANZE UMANE.

CREA UN FARDELLO DI FALSE SPONTANEITA’
CHE GRAVITANO VERSO LE DENSITA’ ANIMALI.

IL SENTIRE ANIMICO VIENE SOSTITUITO DALL’ORGOGLIO DEL BENESSERE CORPOREO.

UNA DENSA FORZA DI SALUTE ENERGETICA E PRIVA DI PUDORE
DIMENTICA L’ANIMA CELESTE
E LA DETESTA OVE IL SUO RICORDO A TRATTI RICOMPARE.

FUNZIONI CORPOREE E BRULICARE DI INTESTINI
OVE UNA VOLTA SPLENDEVA UN TENUE AMORE.

TUTTO INDURITO ED ISPESSITO
SENZA POSSIBILITA’ DI LIEVITA’ E ARMONIE.

CEREBRALITA’ ACCELERATA E DENSA
CHE HA COME EVIDENZE E PUNTI DI RIFERIMENTO
SOLO  FELICITA’ FISICA E RANCORE
OSSIA ODIO CONTRO TUTTO CIO’ CHE INNALZA OLTRE IL BESTIALE.

IN TUTTO QUESTO INTRICO DI APPETITI E LATENTE MALUMORE
L’ANIMA E’ MORENTE.
UNA MASSA DI ENERGIE LA COPRE LA ODIA E LA DETURPA.

MA COMUNQUE E IN VARIO GRADO :
L’ANIMA CELESTE E’ SEMPRE SUL PUNTO DI RISORGERE.
OCCORRE CHE POSSA RESPIRARE ATTIMI DI ETERNITA’
NEL SILENZIO IN CUI LA CEREBRALITA’ E’ TACITATA.

QUANDO NELL’ASCESI L’APICE COSCIENTE VIVE NEL RICORDO
ACCADE CHE APRA VARCHI DI SOVRUMANITA’ PER L’ANIMA ASSOPITA
E LA PORTI AL COSPETTO DI UNA TEMPORANEA PURITA’IN CUI PUO’ RESPIRARE.
IMMERSA IN UNA VOLONTA’CHE IN QUEGLI ATTIMI E’ DEVOTA.

APICI IN CUI L’ANGELO LE TORNA CONCEPIBILE
ED IN CUI L’IMMATERIALITA’ VIVENTE LE FORMA UNA CORONA.

L’ETERNITA’ RISORGE NEGLI ATTIMI DEL SILENZIO CHE CONSACRA.

FRA LE FORZE FORMANTI CHE TENGONO UNITO IL CONCETTO CONTEMPLATO :
LAMPEGGIA E FLUISCE E IRRAGGIA LA SOVRUMANITA’
CHE PER NESSUN ALTRA VIA SAREBBE RINTRACCIABILE.

LAMPEGGIA LA DIVINITA’ SCESA NELL’UMANO
ED IL SUO SGUARDO E’ FORZA CHE REDIME
E CHE REINNALZA.

LUNGO I SENTIERI DELL’ARCANGELO.

OVE IL CELESTE RAGGIO E’ VOLTO CELESTE CHE RISORGE.
___________________________________________



4/18029
EFFETTI VIVENTI

LA’ OVE E’ PIU' BRUCIANTE L’ALITO DEL DRAGO :
OVE I GORGHI DI CHIUSURA SONO STRATIFICATI NELL’INDEGNO :
LA’ INFINE ATTIMI DI APERTURA AL PURO HANNO RIPORTATO SANITA’.

NELL’INCENDIO UNITIVO DELL’IDEA
CHE NEL MANTENERE LA PROPRIA DECISIONE : LAVA.

LO STRATIFICARSI DI INTENSE BRAME SI TRADUCE NEL TEMPO
IN NODI DI ENERGIE IN CUI VIVE L’ESSENZA DELL’ANTIAMORE.

CHIUSISSIMA POTENZA DI VOLONTA’ NELL’ANTIUNIRE.

OSCURO E BRUCIANTE DISGREGARE PROFONDO
CHE COME PALPITANTE ANTI INTELLIGENZA : BRAMA OSTACOLARE.

GERME DI CATASTROFI E FOLLIA
NEL PIU’ INTENSO CONTRASTARE LIVIDO.

LA FORZA CHE PUO’ DISSOLVERE QUEL MALE :
PUO’ ESSERE OTTENUTA SOLO ATTRAVERSO RINNOVATA DEGNITA’
CONCESSA DALL’ALTO MENTRE SI IMPEGNA L’IO NEL RITO DELL’IDEA.

APERTURA NELL’ATTO DELL’ASCESI.
APERTURA CHE CONTIENE UNA SCINTILLA DI VITTORIA.

UN MOVIMENTO DI RISOLUZIONE
MENTRE IL PENSARE INSEGUE L’ESSENZA DEL CONCETTO RICORDATO.

MUTA IL DESTINO MENTRE LIEVISSIMA LA MERAVIGLIA
NELL’ATTIMO SI ACCENDE E POI SCOMPARE.

POICHE’ NELLA MEMORIA UMANA PERDE OGNI EVIDENZA

MA PERMANGONO GLI EFFETTI VIVENTI
CHE COME RITO TENDONO A RIPETERE L’ESSENZA
DI QUELL’EVENTO IMPREVISTO E IMPREVEDIBILE
CHE DA FUORI DEL PREDETERMINATO MUTA I DESTINI.

FRUTTO DI LIBERTA’ CHE POTEVA NON ESSERE SPESA IN QUELLA DIREZIONE.

AVE DELL’ARCANGELO FONTE DELL’IMPOSSIBILE SANARE.
_____________________________________




5/18030
L’IMMATERIALITA’ CINGE IL SILENZIO

LE CARNI PENSANTI CONTENGONO IL NEGARE.
VIVONO UNA VITA ESTRANEA ALL’INDIVIDUO.
OPPOSTA ALL’IO E MOSSA DALLA FOLLIA RIBELLE.

CARNE ENERGIZZATA CHE RECITA IL PENSARE
TRAE LA SUA VITA DALLO SPORCARE LE INTENZIONI LIBERE
CHE A TRATTI L’INDIVIDUO QUASI SOGNANDO ELABORA.

AUTOMI MOSSI DA BLASFEMIA
NON POSSONO CONCEPIRE LIVELLI ESISTENZIALI CONSACRATI.
PERDONO ORIZZONTI OLTRE I QUALI GIA’ NON OSAVANO SOGNARE.

LE NUBI DEL PARLOTTIO RIBELLE ASSORBONO OGNI SILENZIO.
MENTRE CUPE VOLGARITA’ DISTURBANO IL PENSARE.
TUTTO E’ INVOLUTO E SPORCO NELL’ALITO DEL TROPPO UMANO
CHE ANCHE QUANDO E’ STUPEFATTO IMPRECA.

COSICCHE’ LE POTENZE CORPOREE
PREVENTIVAMENTE VIVACIZZATE NEL BLASFEMO
RECITANO UNA VITA DI PENSIERO CHE NON HANNO
MA CON LA QUALE SCAVALCANO L’INDIVIDUO E LO SOSTITUISCONO.

EPPURE TUTTO CIO’ SVANISCE E IMPRECANDO GEME :
DINANZI AL VALORE IN CUI IL VERO PENSARE SFIORA IL SOVRUMANO.
DINANZI ALL’ALTO CONTEMPLARE IN CUI VIVE IL CONCETTO.

L’ATTO DELL’IDEA TACITA IL PARLOTTIO DEI MOSTRI.
INCONTRA IL NEGARE E LO SPERIMENTA QUALE REALMENTE E’ :
ALTERAZIONE MALIGNA DEL REALE.

L’ATTO DELL’IDEA PERMETTE ALL’IMPOSSIBILE DI MANIFESTARSI.

RITENUTO IRREALE E ODIATO :
L’ULTIMO ORIZZONTE APPARE.

NEL SOVRAMENTALE IRROMPERE DELL’ETERNITA’.

OVE L’IMMATERIALITA’ CINGE IL SILENZIO.
E LO FECONDA DI ARMONIE SOVRANE.
IN CUI L’ANIMA RISORGE NEL CELESTE
E L’ORO DELL’OCCULTO SOLE COMPIE IL REDIMERE.

QUOTIDIANAMENTE REINNALZANDO I CIELI INTERIORI DELL’UMANO.

ALTARE IMMATERIALE IN CUI L’ASCESI CREA NUOVI DESTINI.

E L’AUREO SIGNORE DELLE FOLGORI
QUANDO E’ POSSIBILE
CONCEDE LA VITTORIA.
___________________________________




HELIOS FK AZIONE SOLARE










mercoledì 28 settembre 2016

UN LAMPO SULL’ALTARE






UN LAMPO SULL’ALTARE




2/18022
FIAMMA DELL’IMPOSSIBILE SANARE


NUOVA SORDITA’ PER LA PERDUTA LUCE.
SOTTERRANEA E NASCOSTA CORRENTE DELL’INARIDIRE.
OVE E’ RIPOSTA LA RIBELLIONE MINERALE CHE ODIA IL VERO.

IMMOTIVATA ED IMMOTIVABILE LA SORDA RIBELLIONE E’ SOLO VOLONTA’.
NEL DENSO E NELL’OPACO DELLA MINERALITA’ ETERNA.
CHE ATTINGE INFINE NELLA MALVAGITA’ INCONFESSATA  MA  AGENTE.

ACCURATAMENTE NASCOSTI DALLE NEBBIE CEREBRALI :
STRATI E STRATI DI VOLONTA’ SUBUMANA ASSALTANO LE ANIME
RIEMPIENDOLE DI DISGUSTO E NEGAZIONE.
FRA SOLFUREI ENERGISMI VOLTI A RENDERE MALIGNI.

MA OVE IL PENSARE CONTEMPLA LA LUCE UNITIVA DELL’IDEA :
FERRO IMMATERIALE SORGE E SI CREA
SVELANDO E TRAFIGGENDO LA MALVAGITA’.

COSICCHE’ MUTANO DI NUOVO LE POLARITA’ DELL’ANIME SQUASSATE.

VOLGENDO VERSO I CIELI.

NEL CUORE DELLA FORMA.

OVE LA FORZA FORMANTE DELLA SINTESI
-         CONTEMPLATA STRENUAMENTE –
OTTIENE L’IMPOSSIBILE SANARE.

L’IMPOSSIBILE ATTO AUREO.

OTTIENE DI RICONDURRE NEI LUOGHI DELL’ARCANGELO IL PENSARE.

OVE L’EVIDENZA DEL BENE E’ DI NUOVO ATTA AD INTUIRE IL SOVRUMANO.

SULLE ORME DEL VOLITIVO ZOLFO CHE SCOMPARE
E CHE  -DISSOLTO-  PERMETTE ALLE ARMONIE L’IRROMPERE FULGUREO.

NELL’INSISTITO ESTREMO ATTIMO DEL REINNALZARE
CHE GIUNGE SINO AGLI APICI DELL’INCONCEPIBILE INVITTO RINNOVATO BENE.

L’IMPOSSIBILE ATTO DEL PENSARE
OTTIENE DI RICONGIUNGERE AI CIELI SOVRUMANI
 -OLTRE LO STERMINATO MARE DELLE SORDITA’ ABISSALI-
LE ANIME RISORTE NELL’ATTENZIONE COSCIENTE DELLA VOLONTA’.

ED E’ RESURREZIONE CHE SANCISCE L’ESSENZA DELLA VERA SANITA’.
____________________________________




3/18023
ESSENZA DELL’UNICO AFFERMARE


IMMERSI NELLE CARNI GRIGIE COLME DI ENERGIE
NON HANNO PIU’ CALORE MA SOLO IMPONGONO MISERIA.

SUPERBIA NEL CARATTERE CORPOREO LI RIEMPIE DI EFFICIENZA.
CONCEPISCONO L’UMANO COME L’UNICO MONDO E L’UNICA REALTA’.
MENTRE OGNI LIMITE MORALE E’ CONSIDERATO FUTILE ASTRATTEZZA
CHE I DEBOLI INVENTARONO PER POTERSI ASTUTAMENTE TUTELARE.

I FORTI NEL CORPOREO TELLURIZZATO
HANNO SOLO DISPREZZO QUALE MOLLA DEL PENSARE.

IL LORO IMPEGNO E’ NUOCERE
E  -SEPPURE INCONSAPEVOLI-  IMPLACABILI LO ESEGUONO.

NELL’OTTUSITA’ CHE TUTTO DONA AI PIU’ DECISI NELLO SPROFONDARE.

DENSI INDIVIDUI IL CUI  ACUTO POTERE DI MEMORIA E’ SOLO PESO MAGNETIZZATO CHE INCATENA AL TERREO.

LA LORO SEMPLICE PRESENZA E’ MALEVOLA ATTENZIONE VERSO L’ABISSO
E LE SUE NORME.

TANTO PIU’ POTENTI QUANTO PIU’ PRIVI DI ACUME E DI COSCIENZA.

MATTONI DI CARNE IN CUI L’INDIVIDUO E’ PERSO
POICHE’ LA VITA CHE ESSI VIVONO E’ SOLO SCHIAVITU’ AL PADRONE DELL’AVVERSO.

EPPURE DINANZI AL SORGERE DELL’INCONCEPIBILE FERRO IMMATERIALE FRANTUMA IL LORO INSUPERBIRE.

FRANTUMA LA MASCHERA NASCOSTA CHE LI RENDEVA INVISIBILI NEL NUOCERE.

ARRETRA LA CARNE DEL NEGARE COLMA DI ENERGIE.

MOLTO STUPORE NEGLIA ANIMI SONNOLENTI E INCREDULI  :
DINANZI AD UN VALORE CHE LI PENSA E LI VIVE  MENTRE LI CONSUMA.

DINANZI AD UN INSISTITO LAMPO
CHE NEL MANTENERE COSCIENTEMENTE UNITA LA PROPRIA ESSENZA AUREA
CONTEMPORANEAMENTE CONTEMPLA I NODI VELENOSI E LI DISSOLVE.

ATTO SOLVENTE CHE RISTORA.

E CHE INTRODUCE NELL’AURA DELLE FOLGORI.

OVE TALVOLTA E’ CONCESSO
ATTRAVERSO IL RITO DEL PENSARE
REIMPRIMERE LA SOLA VERITA’.
IL SOLO VALORE  AUREO CHE SCOLPISCE E SANA.

INSISTE STRENUAMENTE L’ATTO COSCIENTE DEL PENSARE
NEL MANTENERE PRESENTE LA FORZA FORMANTE DELLA SINTESI LONTANA.

INSISTE E IN TALE RIAFFERMARE CIO’ CHE CONTINUAMENTE DECADE DAGLI APICI RAGGIUNTI :
INNALZA DI NUOVO IL SENSO ULTIMO DEL VERO IN CUI E’ RIPOSTA L’ARMONIA.

ED IN TALE LAMPO RINNOVATO :
L’ESSENZA DELL’ARCANGELO
 -SOTTILISSIMA-
PUO’ AGIRE.

MANIFESTANDO L’IMPOSSIBILE VALORE CHE REDIME.





4/18024
UN LAMPO SULL’ALTARE


ORRIBILE RIMBALZA SULLO SCHELETRO LA LUCE DELL’IDEA

ZONA DELLA RAZIONALITA’ PRIVA DI PENSIERO.

APPARENTE RAZIONALITA’ CHE E’ PROIEZIONE DEL NEGARE.
PRODUZIONE SOLTANTO VOLITIVA DEL SALE NELLA PIETRA.

IMPULSI CHE VIVONO NEL SOLTANTO CEREBRALE
-COME UN FLUSSO DI BLASFEMIA-
ACCOLGONO OGNI SOLLECITAZIONE DI PENSIERO
E PREVENTIVAMENTE NE GUIDANO I GIUDIZI.

SENSIBILI ASTIOSAMENTE AD OGNI RICHIAMO VERSO L’ALTO SENTIRE :
IMPONGONO IL RINNEGARE E IL FIELE ESTREMO
NELLO SCOMPOSTO VOLTO DI MISERIA CHE VOLGE VERSO LA BRAMATA ANIMALITA’.

I VELOCI E STRISCIANTI NELLA POLVERE SUSSULTI DEL PESARE.

GRAVI SALINI E PULVISCOLARI IMPULSI AL RIFIUTO DI OGNI UNITIVO LAMPO DI SINTETICA COMPRENSIONE NEL RAZIOCINARE.

SONO SENZA IDEALI POICHE’ NEGANO PRIMA ANCORA DI INTUIRE.
ASTRETTI NEL DISGUSTO ESISTENZIALE
LO CONSIDERANO PREVENTIVA GARANZIA DI NON RETORICA ALLA BASE DI OGNI ARGOMENTARE.
IMMERSI NEL MALIGNO NE PERSEGUONO IL CULTO INCONSAPEVOLE.

SALE PIATTO E GREVE NEL NULLA DELL’ODIO CHE SUSSURA I MOVIMENTI DELLA BESTIA E LI TRASMETTE.

MA INFINE ATTIMI DEL VERO PENSARE RIESCONO A VIVERE IN QUEL NULLA.
CHE A TAL PUNTO REGREDISCE E APPARE NELL’OTTUSITA’ CHE LO GOVERNA.
REGREDISCE E PERDE FRAMMENTI NASCOSTI DELL’ODIO SOTTERRANEO.

MENTRE  ARDE DI NUOVA LUCE UN LAMPO SULL’ALTARE.

LO STRAZIO DI INCIDERE L’INERTE VOLITIVAMENTE VIVACIZZATO DAGLI OTTUNTI :
INNESTA APICI DI IMPROVVISO LAVACRO CHE SCOLPISCE NUOVE INSEGNE.

INSISTITO ACUME RENDE PER ATTIMI CREDIBILE IL TESSUTO LIEVISSIMO DELL’ANIMA CELESTE.
MENTRE CROLLANO MASCHERE DI SALE
DIETRO CUI IL NEGARE TUMULTUAVA NELLO SFATTO E NEL RIBELLE.

GIUNGE A FARSI ESSENZA FERREA DELLA FIAMMA
CIO’ CHE NELL’INSISTITO UNIRE DELL’IDEA
OTTIENE GLI APICI PIU’ DEGNI.

E PIU’ SINCERI.

MENTRE PUO’ ANCHE ACCADERE CHE NELL’UMANO
L’AUREO VALORE DELLE FOLGORI
CONCEDA IL VOLITIVO CONSACRARE.

NELL’ESTREMO ACUME IN CUI L’ATTIMO COSCIENTE
-VOLUTO E MANTENUTO-
E’ VISITATO DAL CALORE.

ATTIMO IN CUI SOVRUMANE ESSENZE POSSONO SANARE.

LAMPI VIVENTI NEL PIU’ INERTE DESERTO CEREBRALE
CHE INFINE VIENE ATTRAVERSATO DAL FONDAMENTO DEL PENSIERO.

MENTRE L’ELEMENTO MORALE OTTIENE
TEMPORANEI MA SCULTOREI
APICI DI CREDIBILITA’ E DI POTENZA

OVE AD OCCIDENTE SORGE IL NUOVO SOLE.





5/18025
OVE L’IDEA GIUNGE A FARSI VALORE


I SENZA VITA INTERIORE.
I TUTTO CORPO FISICO.
I BALBETTANTI NEL PENSARE.

COLORO I CUI PENSIERI SONO SOLO CARNE PERCORSA DA SCOSSE SUBUMANE MOLTO VOLITIVE.

CARNE ANIMALIZZATA E FRAMMENTI DI APPARENZA INDIVIDUALE.

TANTO BIOLOGIZZATI DA VIVERE NEI RIFLESSI AUTOMATISMI DELLA MASSA CORPOREA ENERGIZZATA.

NEL PROFONDO SONO SOLTANTO AVVINTI AL CAOS CHE SQUASSA L’ELEMENTO BIOLOGICO PIU’ INCOERENTE VOLUBILE E MEDIANICO.

I SENZA LUCE MORALE.

LATENTE L’ESPLOSIONE ISTERICA ALITA SU LORO
NELL’ATTESA DI POTER MANIFESTARE QUANTO DI RABBIOSO LA ACCOMPAGNA E LA STRUTTURA.

DORMONO IN ARIMANE BRANCOLANDO NELL’OTTUSITA’.

NULLA DALL’ESTERNO PUO’ GIUNGERE A MUTARE QUELLE INTERIORITA’.
NULLA SE NON IL TRAVASO DELLE ESSENZE.
NULLA TRANNE UN ATTO IMMATERIALE CHE POSSA ALLENTARE LA MORSA DEGLI INFERNI.

L’INVERSO DEL CONTAGIO NELL’ISTERIA SOLFUREA.

AL COSPETTO DELL’IMMATERIALITA’ CHE ELEVA
MOLTI NODI RABBIOSI NELL’OSCURITA’ DELLE COSCIENZE
PERDONO LA NASCOSTA FURIA CHE DOVEVA RIMANERE IGNOTA.

IL POTERE UNITIVO CHE INNALZA NELL’IMMATERIALITA’
SI ACCENDE OVE L’IDEA GIUNGE A FARSI VALORE.

GIUNGE A FARSI  VITA DELL ‘UNICO VALORE.
METRO ALTO DEL BENE.

GIUNGE NEL CUORE DELLA POTESTA’ CHE SQUARCIA IL DENSO E LO ESTIRPA.

OVE –CONTEMPLATA- L’INSISTITA SINTESI DEL CONCETTO LIBERAMENTE ERETTO:
MANIFESTA L’ESSENZA AUREA DELL’INTELLIGENZA.

OVE L’ALTA PRESENZA DI UN VALORE
QUASI FOSSE L’MPRONTA DELL’ARCANGELO SOLARE
SI MANIFESTA DALL’INCORRUTTIBILE
E RISANA.
RIEDIFICA.
INNALZA OVE E’ POSSIBILE IL RESPIRO SOVRUMANO.

OVE SI RICONSACRA IL PALPITO SOTTILISSIMO DELL’INTELLIGENZA
CHE INFINE VOLGE VERSO I CIELI.

AURA DEL LOGOS IN CUI VI E’ RESURREZIONE NELL’IMPOSSIBILE LAVACRO.
________________________________________


HELIOS FK AZIONE SOLARE